Milano, 11 ottobre 2023L’Associazione C’è Da Fare ETS è lieta di comunicare l’inizio del progetto C’è Da Fare Safe Teen, una preziosa iniziativa che nasce dalla collaborazione tra l’Associazione stessa e la S.C. Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale Niguarda di Milano, unitamente alla Fondazione Ospedale Niguarda.

Il progetto C’è Da Fare Safe Teen viene presentato in concomitanza della settimana della cultura promossa da ABI – Associazione Banche Italiane e Banco BPM, denominata ‘È Cultura’. L’intervento organizzato l’11 ottobre è dedicato alla promozione e alla sensibilizzazione sul tema del disagio e della sofferenza giovanile: questo impegno mira a formare maggior consapevolezza su questioni fondamentali relative al benessere e al sostegno dei giovani.

In questa data l’Associazione è lieta di consegnare una cifra importante, fondamentale per avviare concretamente il progetto e garantire il supporto necessario ai giovani, offrendo loro un’opportunità concreta.

L’obiettivo principale del progetto è offrire sostegno e aiuto agli adolescenti con agiti autolesivi, reduci da tentativi di suicidio o con forti depressioni che portano in alcuni casi al totale ritiro sociale, per aiutarli a superare le sfide e i disagi che affrontano.

L’obiettivo principale del progetto C’è da fare Safe Teen è quello di offrire una presa in carico ambulatoriale ad alta intensità che consenta di fronteggiare tempestivamente la crescente richiesta di cura da parte degli adolescenti e delle relative famiglie che affrontano situazioni di disturbo psicopatologico, evitando liste d’attesa e “tempi morti” che spesso esacerbano le manifestazioni di malessere.

Da anni si sta, infatti, assistendo a un incremento allarmante del disagio psicologico tra i giovani, reso ancora più evidente in epoca post-pandemica. Ansia, depressione, agitazione, disturbi del comportamento alimentare, isolamento sociale, tentati (o riusciti) suicidi e autolesionismo sono alcune delle manifestazioni sempre più diffuse tra i giovani di questo profondo e preoccupante malessere che necessita di essere accolto, compreso e trattato adeguatamente, cercando di contrastarne la cronicizzazione.

L’Associazione C’è Da Fare ETS si impegna a lavorare in stretta collaborazione con il reparto di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza dell’Ospedale Niguarda e la Fondazione Ospedale Niguarda, unendo le risorse e le competenze per garantire un programma efficace e mirato.

Per ulteriori informazioni e dettagli sul progetto C’è Da Fare Safe Teen e le iniziative dell’Associazione C’è Da Fare ETS, si prega di visitare il sito: www.cedafare.org o contattare l’Associazione via mail all’indirizzo: info@cedafare.org.

Paolo Kessisoglu e il Team C’è Da Fare ETS

C’è Da Fare ETS: Associazione no profit a sostegno dei giovani

C’è Da Fare, fondata da Paolo Kessisoglu, è un’organizzazione senza scopo di lucro che si impegna attivamente nel supportare progetti a favore di giovani adolescenti in difficoltà dal punto di vista psicologico e psichiatrico, promuovendo la solidarietà e la sensibilizzazione su tematiche importanti e ancora poco trattate. L’Associazione è un ente no profit del terzo settore riconosciuto, iscritto al RUNTS.  

C’è Da Fare ETS nasce con l’intento di integrare l’assistenza sanitaria nazionale attraverso progetti di supporto psicologico e neuropsichiatrico, raccogliendo fondi attraverso l’organizzazione di eventi sportivi, ricreativi e culturali da destinare a strutture ospedaliere e sanitarie o enti terzi in grado di fornire assistenza.

Per ulteriori informazioni sull’associazione C’è Da Fare ETS, sui progetti e sugli eventi di raccolta fondi, vi invitiamo a visitare il sito web www.cedafare.org e le sue pagine social dove seguiranno aggiornamenti e comunicazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *